I dispositivi smart home si stanno diffondendo sempre di più. Dalle luci intelligenti a elettrodomestici collegati come frigoriferi e lavatrici, la nostra casa è sempre più online. Per questo, è importante assicurasi di proteggere adeguatamente la propria rete domestica. Infatti, man mano che aggiungiamo dispositivi IoT, dobbiamo far sì che il nostro livello di sicurezza online sia in grado di custodire le nostre informazioni, assicurando che la nostra smart home non ci si rivolga contro. Quindi, in questo articolo vedremo quali sono alcune soluzioni semplici che puoi integrare per proteggere tutti i tuoi dispositivi smart collegati a Internet!

Le case moderne non sono ancora al livello dei film di fantascienza con cui siamo cresciuti, ma ci stiamo arrivando. Il problema è che ogni dispositivo che colleghiamo online tramite la nostra rete domestica è un potenziale punto di ingresso per hacker e malintenzionati. Per questo è importante sapere quali siano i rischi che corriamo con ogni nuovo elettrodomestico smart, come e quanto siamo vulnerabili, ma soprattutto come possiamo proteggere i nostri dispositivi domotici e, quindi, la nostra privacy e vita digitale. Non preoccuparti, in questo articolo vedremo tutte queste cose!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

sicurezza-iot-proteggere-dispositivi-smart-copertina

I rischi della sicurezza IoT utilizzando dispositivi smart

I dispositivi IoT (Internet of Things) possono essere hackerati, proprio come qualsiasi altro endpoint collegato a internet. Tuttavia, se i film ci mostrano futuri distopici in cui un hacker può uccidere una famiglia prendendo il controllo di tutta la casa intelligente, è bene ricordarsi che il rischio non è proprio quello. Il pericolo, molto più reale per la sicurezza IoT, è che i nostri dispositivi vengano utilizzati come punti di accesso “facili” per entrare nella nostra rete domestica.

I dispositivi smart infatti tendono a non offrire la stessa sicurezza informatica di computer e smartphone. Dopotutto, non si può installare un antivirus su un frigorifero o su una lampadina. Per questo, è molto importante mettere in pratica alcune buone prassi per la sicurezza informatica online. Non preoccuparti, basta veramente poco per migliorare esponenzialmente la propria linea di difesa da attacchi informatici esterni, mitigandone considerevolmente i rischi. Sono pochi trucchi, che ti aiuteranno a vivere la tua casa intelligente con molta più tranquillità.

5 trucchi per proteggere i tuoi dispositivi smart dai criminali informatici

1. Crea password robuste per i tuoi dispositivi smart

Una delle falle più comuni per quanto riguarda la sicurezza informatica risiede nell’errore umano. Uno di questi errori “classici” è sottovalutare l’importanza di utilizzare password robuste e uniche.

Una buona password non dovrebbe usare parole reali o numeri significativi, come nomi di cari o date di compleanno. Una password robusta e difficile da battere dovrebbe essere randomica, creata con lettere maiuscole e minuscoli, numeri e simboli, ma soprattutto unica. Usare la stessa password per più dispositivi o account significa praticamente invitare hacker e malintenzionati nella nostra vita digitale. Pensaci un attimo, se usi la stessa password per un dispositivo smart scadente e il tuo account Google, che contiene tutta la tua vita, quante sono le probabilità che chi la trovi hackerando la tua sicurezza IoT non la utilizzi anche su tutti gli altri account intestati alla tua email?

Ricordarsi centinaia di password randomiche non è un compito facile, né tantomeno fattibile, fortunatamente però ci sono soluzioni. Usando un password manager come Dashlane infatti potrai generare migliaia di password complesse, senza dovertene ricordare neanche una!

2. Utilizza brand noti e affidabili

Massimizzare il risparmio non è sempre un buon affare. Nel campo IoT infatti, è sempre bene fare un po’ di ricerca prima di acquistare un dispositivo smart per la tua casa. Non preoccuparti, non devi essere un ingegnere informatico per questo genere di ricerca. Quando stai vedendo quali dispositivi comprare però, chiediti quali siano i brand con le migliori recensioni e che offrono update costanti per migliorare la sicurezza IoT dei propri dispositivi.

3. Esegui la crittografia di tutta la tua rete domestica con una VPN

Le VPN, o Virtual Private Network, sono strumenti per la sicurezza informatica (ma tutto sommato anche l’intrattenimento) che eseguono la crittografia di tutto il tuo traffico online, anonimizzando anche la tua attività su Internet. Solitamente vengono consigliate soprattutto per sbloccare contenuti con restrizioni geografiche o per proteggere i propri dispositivi quando ci colleghiamo a hotspot pubblici, ma in realtà possono fare molto di più per la nostra sicurezza IoT.

Infatti, uno dei modi migliori in cui puoi utilizzare una VPN per la tua sicurezza informatica è proprio configurandola sul tuo router domestico. Installando una VPN sul tuo router proteggerai automaticamente il traffico di tutti i tuoi dispositivi collegati alla rete di casa. Così facendo, starai rendendo molto più difficile la vita degli eventuali hacker che potrebbero voler provare a entrare nella tua rete per rubare le tue informazioni personali o prendere il controllo dei tuoi dispositivi smart.

Non sai da dove cominciare per scegliere una VPN? Dai un’occhiata alla nostra guida alle migliori VPN dell’anno, oppure comincia con una di queste tre: NordVPN, Surfshark e ExpressVPN.

4. Usa l’autenticazione a due fattori (2FA)

Un altro metodo per migliorare la sicurezza dei tuoi dispositivi smart è attivando l’autenticazione a due fattori, o 2FA. Così facendo, quando qualcuno proverà ad accedervi, non potrà farlo senza il secondo fattore, se questo dovesse arrivare direttamente a te o ad altri membri della tua famiglia.

L’autenticazione a due fattori si sta diffondendo sempre di più, vedendo ben riconosciuto il proprio valore nel settore della sicurezza informatica. Tuttavia, spesso ne trascuriamo l’utilità quando si parla di sicurezza IoT. In realtà però, è un ottimo modo per mantenere sotto controllo gli accessi ai propri dispositivi smart, evitando così brutte sorprese.

5. Controlla periodicamente che la tua rete non abbia attività sospette

Molti router moderni e sistemi di sicurezza smart possono fornirti informazioni sulla tua rete e il suo utilizzo. Ad esempio, i dispositivi Google ti consentono di vedere le loro attività recenti tramite l’app Google Home. Accedere periodicamente a queste applicazioni è un ottimo modo per assicurarsi che non ci siano attività sospette.

Se dovessi trovare accessi insoliti o richieste che non hai eseguito, cambia immediatamente la tua password. Google e molti altri servizi smart consentono anche di far eseguire forzatamente il logout dall’account a tutti i dispositivi attualmente collegati.

Cosa ne pensi di questi consigli per migliorare la sicurezza IoT dei tuoi dispositivi smart? Commenta qui sotto e condividi questo articolo con i tuoi amici! Non dimenticarti di iscriverti alla newsletter di Stolas Informatica e di seguirci su FacebookInstagram e Telegram per rimanere sempre aggiornato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

Segui Stolas!

Iscriviti alla mailing list di Stolas per ricevere in anteprima novità e sconti!

Grazie per esserti iscritto!

Something went wrong.

Segui Stolas!

Iscriviti alla mailing list di Stolas per ricevere in anteprima novità e sconti!

Grazie per esserti iscritto!

Something went wrong.

Send this to a friend