Stai cercando recensioni e opinioni su PureVPN? Ne vedi parlare ovunque ma vorresti saperne di più prima di impegnarti e abbonarti alla loro VPN? Hai sentito che con PureVPN puoi aggirare i blocchi regionali/nazionali di piattaforme di streaming come Netflix e Disney+ e vuoi sapere se è veramente possibile accedere al catalogo mondiale con questa VPN? Perfetto, allora preparati, perché con questa recensione completa di PureVPN del 2021 scoprirai tutto quello che devi sapere per decidere se abbonarti o se cercare un’alternativa migliore che possa fare al caso tuo.

Se non sei sicuro di cosa sia una VPN, leggi il mio articolo dedicato!

PureVPN è un’azienda con sede in Hong Kong, nata nel 2007 (come servizio commerciale, in realtà GZ Systems iniziò a sperimentare con le VPN già dal 2006). Oggi, l’azienda conta oltre 2000 server, distribuiti su oltre 140 paesi e 180 località. Viste queste infrastrutture non sorprende il fatto che PureVPN risulti sempre tra i migliori servizi VPN in commercio. In passato però l’azienda non ha goduto sempre di un’ottima reputazione. Alcuni anni fa infatti parecchi utenti si lamentavano della sua privacy policy poco trasparente e di una possibile conservazione di log da parte di PureVPN. Il provider però si è impegnato molto per migliorare la propria reputazione, sviluppando nuove app, creando una nuova privacy policy e facendo condurre un’ispezione indipendente sulla propria no log policy da Altius IT.

Anche se le cicatrici del passato sono ancora visibili (se usi Web Of Trust i feedback fino al 2016 ancora influenzano il sito), oggi PureVPN è sicura, affidabile e, come vedremo, una scelta soddisfacente come servizio VPN. Dopo questa breve presentazione, tuffiamoci nella recensione completa di PureVPN!

recensione-purevpn-logo

Prezzi PureVPN – Recensione e opinioni

Avviso: i lettori di Stolas Informatica possono usufruire di uno sconto del 73% sul piano biennale di PureVPN e uno sconto del 64% sull’abbonamento annuale! Con questa offerta quindi potrai pagare solo € 2,55 al mese per due anni o € 3,41 al mese per un anno!

Prova Subito PureVPN con il 73% di sconto!

PureVPN, come molti provider di VPN, offre tre piani di abbonamento, in questo caso i rinnovi sono i seguenti: mensile, annuale e biennale. Il piano mensile di PureVPN ha un costo che può risultare abbastanza elevato, pari a € 9,60 al mese. In realtà per quanto riguarda gli abbonamenti mensili questo prezzo rientra nella fascia medio-bassa, ma come sempre, il piano mensile serve a incoraggiare abbonamenti più lunghi, quindi non gli darei troppo peso.

purevpn-recensione-opinioni-prezzi

Il piano annuale di PureVPN offre quindi uno sconto del 64% (solo per i lettori del sito, altrimenti sarebbe del 46%), con un costo di € 3,41 al mese, complessivamente € 40,92 l’anno. Il prezzo dell’abbonamento annuale batte già il piano triennale di NordVPN, ma bisogna precisare che è solo per il primo anno di abbonamento, il rinnovo infatti avverrà a € 62,83 (€ 5,23 al mese circa). È sull’abbonamento biennale che PureVPN offre il miglior valore d’acquisto. Il piano da 2 anni infatti costa solo € 2,55 al mese, portando uno sconto del 73% (al solito, solo per chi legge questo sito) e il prezzo è bloccato anche per i rinnovi. Questo significa che per due anni di abbonamento pagheresti solo € 61,20, superando così anche l’offerta annuale di PrivateVPN (già una delle VPN nella fascia medio-bassa).

PureVPN non offre un piano gratuito di prova, MA ha una garanzia di rimborso entro 31 giorni su TUTTI gli abbonamenti (anche sul mensile). Questo significa che puoi comunque provare PureVPN gratis abbonandoti a qualsiasi piano, con un mese di tempo per decidere se fa per te.

PureVPN accetta pagamenti tramite i seguenti metodi: Paypal, carte di credito/debito Visa, MasterCard e Amex, mint, giropay e AT&T, criptovalute come Bitcoin, Etherium e LiteCoin, Alipay, Skrill e altro. Insomma, pagare l’abbonamento non sarà mai un problema!

Prova Subito PureVPN con il 73% di sconto!

Recensione e opinioni PureVPN – Le caratteristiche

Proseguiamo questa recensione completa di PureVPN dando un’occhiata alle caratteristiche che l’azienda offre ai propri utenti.

L’abbonamento a PureVPN consente la connessione simultanea di fino a 10 dispositivi, un’offerta abbastanza notevole, visto che la media tende a essere sui 5-6 dispositivi (anche se Surfshark ne offre illimitati, leggi la recensione completa).

In termini di compatibilità e piattaforme di utilizzo, PureVPN offre app per qualsiasi sistema operativo e piattaforma. Le app infatti sono disponibili per Windows, macOS, Linux, iOS, Android, AndroidTV, Fire TV Stick Amazon (leggi la recensione completa), router e router DDWRT. Tramite add-on ed estensioni è possibile anche aggiungere PureVPN a Chrome, Firefox e persino Kodi (non a caso è una delle migliori VPN per Kodi). Questo significa che potrai usufruire della VPN dell’azienda da qualsiasi dispositivo tu voglia.

La disponibilità di app di un provider VPN è solo la punta dell’iceberg però quando si parla di caratteristiche offerte, quindi andiamo un po’ più a fondo. PureVPN offre l’utilizzo di dati senza limiti (standard), una funzionalità di split tunneling (attualmente in Beta), per decidere quale traffico far passare per la VPN e alcune funzioni di sicurezza molto interessanti. Le app infatti offrono anche la protezione da IPV6 Leak e WebRTC Leak, per proteggere al meglio il tuo indirizzo IP reale mentre utilizzi la connessione VPN dell’azienda.

Come vedremo meglio nella sezione dedicata alle app di questa recensione, PureVPN offre dei preset di connessione a seconda dell’utilizzo, una caratteristica veramente interessante. Troviamo quindi il profilo ottimizzato per lo streaming video (utile per Netflix, Kodi, gaming e altro), Internet Freedom (per utilizzare la VPN da paesi che ne limitano l’uso), per sicurezza e privacy, per il File-Sharing (utilissimo per torrent e altri metodi di condivisione file P2P) e la connessione tramite IP dedicato.

Una particolarità notevole di PureVPN è che invece di offrire una carrellata di funzionalità che l’utente medio potrebbe non usare mai, alzando il prezzo complessivo dell’abbonamento, alcune caratteristiche sono disponibili come add-on acquistabili a parte. L’IP dedicato menzionato sopra è un ottimo esempio.

purevpn-recensione-opinioni-addon

PureVPN offre 3 add-on che potrai comprare separatamente se fossi interessato: Port Forwarding, IP dedicato e IP dedicato con protezione DDoS. L’add-on Port Forwarding ha un costo mensile di $ 0,99 e consente di indirizzare il traffico in entrata su porte specifiche scelte dall’utente. L’IP dedicato invece costa $ 1,99 al mese e permette di collegarsi semplicemente a reti private e dedicate in modo rapido e sicuro. Infine, l’opzione IP dedicato con protezione DDoS ha un costo mensile di $ 2,99 e include la protezione dall’attacco Distributed Denial of Service, che rende il sistema vittima inutilizzabile inviando grandi quantità di traffico.

Poiché vedremo la maggior parte delle altre caratteristiche offerte da PureVPN nella sezione dedicata alle app di questa recensione completa, andiamo avanti e vediamo come installare e utilizzare i client di questo provider.

Prova Subito PureVPN con il 73% di sconto!

Installazione e utilizzo – PureVPN Recensione

Ti ho già fatto notare che PureVPN offre un’applicazione per qualsiasi sistema operativo e dispositivo e, nel caso avessi dubbi su come installarne qualcuna, dalla sezione supporto del sito troverai tutorial per ogni client. Le guide offerte sono tutte in inglese, ma essendo corredate di tantissime immagini esplicative seguirle non dovrebbe essere un problema. Dalla sezione relativa è possibile accedere anche alle guide per configurare PureVPN su diversi router (sono tantissimi), così da poter proteggere con la VPN tutta la tua rete domestica (o aziendale). Questo significa che potrai utilizzare PureVPN anche con console di gioco come PS4, XBOX One, Nintendo Switch, Wii U

App, estensioni per browser e add-on di PureVPN sono veramente facili da installare e configurare, quindi difficilmente avrai bisogno di una guida, ma è tranquillizzante sapere che in caso non rimarrai bloccato.

Adesso, passiamo alla guida completa delle varie App di PureVPN. Per questa recensione ho utilizzato le app per Windows 10, Android e l’estensione per browser di Google Chrome.

Windows 10 – Guida Client PureVPN recensione & opinioni

Una volta completata l’iscrizione a PureVPN, riceverai una mail con tutte le informazioni necessarie per effettuare l’accesso e i link per scaricare i vari client sui tuoi dispositivi. Se però dovessi aver bisogno di scaricarle direttamente dal sito, basta effettuare l’accesso e dalla pagina principale del tuo account, nel menu a sinistra, troverai la sezione download. Cliccando su Apps ti verrà proposto direttamente di scaricare il client per il sistema operativo che stai utilizzando.

purevpn-opinioni-download-windows

Una volta scaricato purevpn_setup.exe, basta aprire il file per iniziare l’installazione. Il client di Windows 10 richiede 75,45 MB di spazio libero sul disco rigido, che non dovrebbe essere un problema. Una caratteristica che è stata particolarmente apprezzata è la possibilità di installare l’estensione per browser insieme all’app desktop. Sono disponibili sia quella per Chrome sia quella per Firefox, anche se non capisco bene perché abbiano deciso di consentire, tramite l’installazione del client, l’aggiunta di una sola estensione, quando magari un utente potrebbe utilizzare entrambi i browser.

purevpn-opinioni-installazione-app-windows

Accettando i termini e le condizioni del servizio si procederà quindi all’installazione vera e propria, che avviene con una schermata molto carina, apprezzo il fatto che sia stato curato anche questo aspetto. Durante il processo verrà richiesto di installare anche Tap-Windows Provider V9 Schede di rete di GZ Systems Limited, niente di preoccupante, visto che è l’adattatore utilizzato dalla VPN per stabilire la connessione. Potrai accettare tranquillamente e procedere.

purevpn-installazione-app-windows-tap

Una volta installata l’app di PureVPN su Windows 10, aprendola ci viene presentata una schermata abbastanza intuibile. Sulla sinistra vediamo la modalità di connessione (per impostazione predefinita è la Stream mode) e in basso sono presenti i collegamenti agli store dei relativi browser per installare l’estensione (Chrome e Firefox). Quindi da qui potrai aggiungere l’altra estensione se ne hai installata una insieme al programma principale.

Nella sezione a destra viene mostrato l’elenco di paesi da cui è possibile stabilire la connessione VPN, con l’opzione di fare un ping test, “Run Ping Test”, per visualizzare le velocità ping dei vari paesi. Accanto a ogni località disponibile vengono mostrate anche delle icone che illustrano per cosa può essere utilizzata la connessione relativa. Le opzioni sono P2P, Virtual e un telefono che suppongo si riferisca al VOIP (voice over IP, per fare chiamate tramite internet). Questi tag non vengono spiegati esplicitamente da nessuna parte, un piccolo neo in termini di esperienza utente. Infine, è possibile salvare i vari paesi come preferiti, così da averli sempre a portata senza dover cercare nell’elenco.

Oltre a selezionare le connessioni VPN in base alla località, la voce “Popular websites” consente di scegliere il tipo di servizio che vogliamo usare. Ad esempio, cliccando su “Netflix US”, verrà stabilita automaticamente una connessione da uno dei server negli Stati Uniti e PureVPN aprirà nel nostro browser una scheda di Netflix. Un’opzione veramente carina, peccato che non funzioni perfettamente. Quando l’ho provata la prima volta infatti Netflix ha riconosciuto subito la connessione da VPN, bloccando l’accesso a qualsiasi video selezionassi. Questo non significa che PureVPN non funzioni con Netflix, ma semplicemente che l’opzione non va a selezionare automaticamente un server “abilitato” alla piattaforma. Infatti, scollegando la VPN e cliccando di nuovo sul tasto “Netflix US” è filato tutto liscio. Onestamente, mi aspetto che una funzionalità del genere si accerti anche che il server selezionato funzioni per i contenuti da sbloccare.

purevpn-guida-app-windows-italia

Stabilita la connessione alla VPN, l’interfaccia dell’app mostra quali opzioni stiamo utilizzando, come siti bloccati, accelerazione streaming, località e altro (vedi immagine). Cliccando in alto su “Show Graph”, verrà mostrato un grafico del traffico dati sulla connessione, mentre cliccando in basso su “Fetch my VPN IP” apparirà l’indirizzo IP con cui siamo collegati tramite VPN.

Passiamo alle impostazioni dell’app Windows 10 di PureVPN, a cui possiamo accedere cliccando sull’icona ingranaggio in alto a destra. Le impostazioni generali del client ci consentono di selezionare la riconnessione automatica alla VPN, il lancio dell’app all’avvio di Windows e altre piccole funzionalità carine (come l’apertura del browser predefinito dopo la connessione). Da qui è anche possibile selezionare il protocollo utilizzato dalla VPN, mostrando la relativa velocità e sicurezza. Anche se alla maggior parte degli utenti dovrebbe bastare l’opzione automatica (predefinita), sono disponibili i seguenti protocolli: IKEV, TCP, UDP, L2TP, SSTP, PPTP. L’ultima personalizzazione disponibile da questa pagina è l’impostazione della lingua dell’interfaccia. L’app di PureVPN offre infatti la localizzazione in 8 lingue: inglese, francese, tedesco, spagnolo, cinese, turco, olandese e arabo. Avrai notato anche tu che manca l’italiano, ovviamente non è la fine del mondo (visto che non è che ci sia poi tutto questo testo), ma sarebbe stato gradito.

purevpn-guida-app-windows-impostazioni

La seconda voce nel menu delle opzioni consente di cambiare la modalità di connessione alla VPN. Come avevo anticipato, PureVPN offre le seguenti modalità: Stream, Internet Freedom, Security / Privacy, File-Sharing e Dedicated IP (che però è un add-on da acquistare a parte). A seconda della modalità selezionata la lista di server e località disponibili verrà aggiornata in base alla configurazione. Per chi fosse interessato a PureVPN per scaricare torrent, ci sono server ottimizzati in Germania, Francia, Olanda e Brunei, ma con la modalità File-Sharing il client si assicurerà di collegarti sempre ai migliori server a disposizione per lo scopo. Un’altra cosa da notare su queste modalità è che, a parte la Stream, tutte le altre offrono la possibilità di selezionare anche la città di connessione, oltre alla nazione.

Le altre impostazioni del client Windows 10 di PureVPN rientrano più o meno nella norma, offrendo però una granularità di personalizzazione migliore di altre app VPN. Una nota importante è che per accedere allo Split Tunnelling, che consente di scegliere quale traffico internet far passare per la connessione VPN, è necessario attivare le caratteristiche Beta. Il Kill Switch, una caratteristica che per quanto mi concerne è essenziale nelle VPN, può essere abilitato dalla sezione “Advanced Options” e per impostazione predefinita è spento.

Nel complesso, l’app per Windows 10 di PureVPN è ben realizzata, facile da navigare e da usare, ma senza per questo rinunciare a impostazioni per utenti più avanzati, come la scelta dei protocolli di connessione, il tipo di rete (automatico, rete Non-NAT, rete NAT), il Multi Port e altro ancora.

Prova Subito PureVPN con il 73% di sconto!

App PureVPN Smartphone (Android)

L’app per Android di PureVPN ha oltre un milione di download e un punteggio medio di 3,4/5, un punteggio che personalmente non condivido. È difficile che le app VPN per smartphone ottengano grandi punteggi (lasciando stare quella di NordVPN che ha un 4,5/5 con oltre 10 milioni di download), ma obiettivamente l’app per smartphone di PureVPN è veramente ben fatta.

Le app mobili di PureVPN sono disponibili sui relativi store dei due sistemi dispositivi, quindi App Store di iOS e Google Play Store per Android. Per installare l’app non devi fare altro che andare sul tuo store, cercare “PureVPN” e cliccare su “Installa”. Finito!

purevpn-guida-app-android

Una volta installata, basta fare il login con le credenziali del tuo account e ti verrà presentata la Home. La home dell’app di PureVPN è praticamente perfetta. Al contrario del client per Windows 10, che presenta l’elenco delle località disponibili, la home dell’app Android di PureVPN si presenta con un enorme tasto verde “Quick Connect”, che ti collegherà automaticamente al server VPN con il ping migliore (solitamente uno del tuo stesso paese). È un’opzione di cui ho sentito la mancanza sul mio computer, perché personalmente trovo che sia quella che fa la differenza tra una VPN da usare sempre e una da usare “quando serve” e se vuoi essere sicuro che la tua connessione rimanga privata dovresti essere SEMPRE collegato tramite VPN.

purevpn-guida-app-android-home

Nel caso in cui volessi selezionare una località in particolare, sempre dalla Home sono disponibili gli elenchi di paesi e città, anche in modalità Stream (sempre quella predefinita). Per cambiare modalità di connessione puoi cliccare su “Stream” sopra al tasto Quick Connect, oppure sull’icona del menu in alto a sinistra e quindi sull’enorme tasto rosso. Le modalità di connessione da smartphone sono le stesse disponibili da computer, fatta eccezione dell’IP dedicato che non è disponibile.

Passando alle impostazioni disponibili sull’app Android, ritroviamo quasi tutte quelle presenti su Windows (incluso l’utilissimo Split Tunneling), una cosa abbastanza insolita, visto che spesso le app mobili dei provider VPN tendono a essere molto più semplificate. Un’opzione che rende l’app di PureVPN veramente essenziale per gli smartphone è la caratteristica “Secure WiFi”. Con Secure WiFi infatti è possibile impostare l’app affinché si colleghi automaticamente alla VPN se la connessione wireless su cui siamo non è protetta (che è come l’ho configurata io). È anche possibile impostare Secure WiFi di VPN in modo tale che stabilisca la connessione a una VPN su qualsiasi WiFi (protetta o meno), quando siamo collegati alla rete dati mobile, o su richiesta quando ci colleghiamo per la prima volta a nuova rete wireless.

Per concludere in bellezza, l’app mobile di PureVPN include una sezione FAQ navigabile dall’app stessa (in inglese) e la possibilità di iniziare una chat con un operatore, senza dover lasciare l’app.

 Come avrai potuto intuire (d’altronde non l’ho mica nascosto), sono assolutamente entusiasta dell’app Android di PureVPN. È ben progettata, semplice e offre alcune funzionalità che ti consentono veramente di impostarla e dimenticartene, assicurandoti comunque che il tuo telefono e le tue informazioni personali rimangano sempre ben protette.

Prova Subito PureVPN con il 73% di sconto!

Estensione Chrome e Firefox PureVPN

Le estensioni per Chrome e Firefox di PureVPN sono, come si conviene per le estensioni VPN, estremamente semplici. Come ti avevo anticipato, entrambe possono essere installate insieme al client per Windows 10 (dovendo però scegliere tra una delle due). Nel caso in cui però ti fosse sfuggito e ti fossi dimenticato di installarla insieme all’app, potrai tranquillamente aggiungere l’estensione cercandola nello store del tuo browser preferito, cliccando sull’icona relativa dall’app desktop, o da Download > Apps nel tuo account di PureVPN, dove sono disponibili i link allo store di Chrome e a quello di Firefox.

purevpn-recensione-estensione-chrome-installa

Una volta aggiunta l’estensione al browser, ti basterà fare il login con le tue credenziali PureVPN per accedere. Come ho accennato all’inizio di questa sezione, l’estensione Chrome ha veramente l’essenziale. Cliccando sull’icona comparirà il pannello di controllo, con un tasto Connect, la possibilità di selezionare il paese i servizi più popolari (come per il client desktop) e l’interruttore per attivare/disattivare la WebRTC Leak Protection.

purevpn-guida-estensione-chrome

Cliccando sull’ingranaggio per accedere alle impostazioni vedrai che l’unica opzione a disposizione è Bypass Proxy, che consente di specificare siti o IP su cui l’estensione non dovrà instradare il traffico tramite proxy.

Se quel Bypass Proxy ti sembra strano, hai capito bene. L’estensione per browser di PureVPN infatti non ti collegherà a una VPN ma reindirizzerà il traffico web tramite server proxy (in realtà su questo PureVPN non è chiarissimo). Questo significa che la tua connessione e il tuo indirizzo IP risulteranno provenire dal paese selezionato, ma il traffico NON è crittografato. La cosa positiva è che i server proxy tendono a essere più veloci dei server VPN, quindi se vuoi solo guardare qualche puntata di un telefilm su Netflix, Disney+ o qualche altra piattaforma di streaming su web, ti converrà usare l’estensione piuttosto che il client desktop di PureVPN.

Prova Subito PureVPN con il 73% di sconto!

Server e Prestazioni PureVPN

Visto che abbiamo introdotto l’argomento con l’estensione per Chrome, passiamo alla sezione di questa recensione completa di PureVPN dedicata alle prestazioni del servizio.

Come detto in apertura, la rete di PureVPN conta oltre 2000 server su più di 140 nazioni, quindi non è esattamente ristretta. I tempi richiesti per stabilire una connessione sicura a un server VPN sono rientrati sempre entro i 5 secondi, anche quando ho provato a collegarmi dall’Australia in modalità Security/Privacy, da cui mi sarei potuto aspettare qualche secondo in più. Insomma, da questo punto di vista non ho assolutamente da lamentarmi, anzi, PureVPN è risultata tra le più veloci.

La velocità di connessione però è tutta un’altra storia. PureVPN si comporta molto bene fino a quando i server VPN si trovano vicino al paese di origine (come Italia su Italia), ma appena cominciamo ad allontanarci ecco che la nostra velocità si abbassa parecchio. Ovviamente un calo delle prestazioni collegandosi a server più remoti è assolutamente normale, se dall’Italia mi collego a un server negli Stati Uniti non posso aspettarmi la stessa banda. Considerando però, che la mia velocità di download standard (senza VPN) è di circa 45 Mbps, in tutti i miei speed test dagli USA non ho superato i 30 Mbps neanche una volta. Negli stress test dall’Australia, quelli che mettono a dura prova tutti i servizi VPN, non sono riuscito ad arrivare neanche a 10 Mbps (-75% della velocità in download). Questo in modalità Stream, che è la più veloce. In modalità Security/Privacy la velocità di download è riuscita a mala pena a toccare i 6 Mbps. Per fare un confronto, negli stress test dall’Australia con NordVPN il download arrivava comunque a 30 Mbps.

speedtest-base
Lo speed test sulla mia linea senza VPN
purevpn-VPN-ITALIA-speedtest
purevpn-opinioni-VPN-USA-speedtest
purevpn-opinioni-PROXY-speedtest

È un vero peccato, anche se bisogna precisare che, se cerchi una VPN per proteggere il tuo dispositivo e la tua connessione con cui navigare su internet, 20-25 Mbps sono assolutamente sufficienti, anche per lo streaming.

Prova Subito PureVPN con il 73% di sconto!

PureVPN, Netflix & Streaming: funziona?

Ho già toccato questo argomento nella sezione di questa recensione completa di PureVPN dedicata alle caratteristiche, ma adesso è il momento di andare un po’ più a fondo. PureVPN funziona con Netflix? Riesce ad aggirare i blocchi nazionali, sbloccando quindi il catalogo mondiale di Netflix?

Assolutamente sì. Con PureVPN sono riuscito ad accedere a Netflix USA (con il maggior numero di film disponibili), Netflix Canada (con più serie TV) e Netflix Giappone (con più anime e drama). L’unica precisazione in questo senso è che, anche se la Stream Mode di PureVPN dichiara di sbloccare tutti i contenuti con georestrizioni, non è sempre vero. A volte ho dovuto scollegare e ricollegare la VPN per accedere a un server VPN compatibile (non sempre però, quindi penso che in realtà la maggior parte siano compatibili senza problemi). Scopri come consultare il catalogo mondiale di Netflix e come sbloccare tutti i contenuti!

Diciamo che, se con PrivateVPN bisogna optare per i server etichettati in base al servizio di streaming e con NordVPN praticamente tutti i server sono compatibili con tutte le piattaforme, PureVPN è una via di mezzo più che accettabile (soprattutto visto il prezzo).

In termini di qualità e prestazioni di streaming, non posso non rimarcare il problema della velocità di download dei server VPN più lontani. Considerando che la bitrate media dei contenuti in 4K di Netflix oscilla tra gli 8 Mbps e i 16 Mbps, anche collegandomi dal server VPN più lento in USA e in Canada sarei riuscito a vedere film e telefilm in streaming in UHD. Ma già dal Giappone, non superando gli 8 Mbps, avrei potuto ottenere al massimo una risoluzione Full HD (con una bitrate tra 4,3 Mbs e 5,8 Mbps).

Se vuoi fare streaming da Netflix su uno schermo Full HD, non avrai nessun problema con PureVPN, ma se vuoi lo streaming in 4K su PC o Smart TV, ogni tanto ci potrebbe essere qualche intoppo (sempre considerando che tu abbia una connessione come la mia che oscilla sui 45 Mbps medi senza VPN).

Per il gaming la faccenda è leggermente diversa. Lo streaming dei giochi online di Google Stadia per esempio prevede una connessione di almeno 35 Mbps per il 4K e un minimo di 10 Mbps per giocare a 720p. Per il gaming online su giochi installati sul proprio dispositivo invece la banda richiesta è parecchio inferiore, ma quello che conta di più è la ping rate. Con le ping rate offerte da PureVPN non ci dovrebbero essere problemi a giocare online collegati a un server VPN in Europa (se ti trovi in Europa), ma già dagli Stati Uniti potrebbe essere più complicato.

Prova Subito PureVPN con il 73% di sconto!

PureVPN Recensione e opinioni – Privacy e sicurezza

Il comparto privacy e sicurezza di un provider VPN è tra i più importanti, visto che è uno dei motivi principali per cui sempre più persone scelgono di proteggere la propria connessione a Internet con questi servizi. Quindi, vediamo cosa offre PureVPN da questo punto di vista.

Come ho precisato all’inizio, PureVPN ha sede a Hong Kong, una località rinomata per l’assenza di leggi sulla conservazione dei dati, per questo l’azienda può attuare la sua policy “no log”. Anche se in passato il provider è stato “poco trasparente” da questo punto di vista, adesso la sua privacy policy è molto chiara a riguardo, specificando quanto segue:

“NON conserviamo alcun registro delle vostre attività di navigazione, log di connessione, registri di IP VPN assegnati a voi, IP di origine, tempi di connessione, cronologia di navigazione, siti visitati, traffico in uscita, contenuti o dati a cui accedete o richieste DNS da voi generate.”

Per provare la veridicità di questa affermazione, PureVPN ha anche fatto condurre un’ispezione indipendente da Altius IT, che ha quindi confermato di non aver trovato alcuna prova che possa essere utilizzata per collegare un utente specifico alla rete di PureVPN.

Anche dal punto di vista dei vari leak di IP, DNS e WebRTC puoi stare assolutamente tranquillo, con PureVPN la tua identità online rimarrà sempre protetta e imperscrutabile e, se dovessi trovarti in Cina, l’azienda dispone di ben 12 server “obfuscated”, quindi non dovresti avere problemi a utilizzare questa VPN.

In termini di crittografia, PureVPN utilizza la AES-256 di livello militare, che in realtà è lo standard del settore, visto che è virtualmente inviolabile. L’azienda offre quindi il tunneling sui seguenti protocolli: UDP/TCP, IKEv2, SSTP e L2TP.

Prova Subito PureVPN con il 73% di sconto!

Assistenza clienti PureVPN

Eccoci arrivati all’ultima sezione di questa recensione di PureVPN. Che tipo di supporto offre l’azienda?

PureVPN offre un’ampia documentazione online per quanto riguarda la risoluzione dei problemi più comuni, con un modulo compilabile passo dopo passo che riesce a offrire parecchie soluzioni possibili per ciascun problema.

Detto questo, nel caso in cui la sezione dedicata alla risoluzione dei problemi, quella sulle domande frequenti e la documentazione online dovessero fallire, parlare con un operatore non è assolutamente difficile. Sul sito di PureVPN infatti, una volta effettuato l’accesso, è possibile iniziare una sessione di chat in tempo reale o aprire un ticket di assistenza. Il supporto clienti è attivo 24 su 24, 7 giorni a settimana.

La cosa ancora più comoda è che i client di PureVPN offrono anche un sistema di supporto integrato, quindi potrai inoltrare le tue richieste direttamente dall’app del dispositivo che stai utilizzando. Dall’app di Windows 10 è possibile aprire ticket di assistenza, proseguendo quindi via email sull’indirizzo di posta elettronica con cui hai sottoscritto l’abbonamento. Dall’app Android invece è possibile parlare con gli operatori tramite chat.

Ho aperto un ticket di assistenza per testare la reattività del supporto e ho ricevuto una risposta entro un’ora. Non male, considerando che si trattava di un ticket e non della chat. L’unico neo da tenere in considerazione è che il supporto opera solo in inglese (o comunque solo nelle lingue in cui è disponibile l’interfaccia).

Prova Subito PureVPN con il 73% di sconto!

PureVPN recensioni e opinioni – conclusioni

Eccoci alla fine della mia recensione di PureVPN, è quindi il momento di tirare le somme. In termini di semplicità d’uso, trovo che app, estensioni e add-on offerti dall’azienda siano veramente ottimi. Ho apprezzato molto la possibilità di installare le estensioni per browser insieme al client di Windows 10 e che sia disponibile un add-on da aggiungere direttamente a Kodi. Le caratteristiche di PureVPN sono complete e complessivamente questo la rende una buona scelta per chi sta cercando una VPN a un costo contenuto per proteggere la propria identità online e guardare i contenuti in streaming. PureVPN però perde un po’ di punti per quanto riguarda le prestazioni. Mentre un calo di velocità collegandosi a server VPN geograficamente più lontani è assolutamente comprensibile, le prestazioni di questo servizio in termini di download e ping lasciano abbastanza a desiderare.

Nel complesso, PureVPN è una buona VPN e mi sento di consigliarla. Personalmente preferisco il servizio di NordVPN, che compensa il costo più alto con oltre il doppio dei server a disposizione e una qualità di connessione nettamente superiore. Detto questo, posso confermare che PureVPN si è guadagnato il posto tra le migliori VPN per Kodi, perché mettendo da parte il calo di velocità, offre comunque il necessario per uno streaming di buona qualità e un ottimo livello di sicurezza.

PureVPN
  • Compatibilità:
    Windows, Mac, Android, iOS, Linux, Kodi
  • Connessioni simultanee:
    10
  • Streaming sbloccati:
    RaiPlay, Netflix, YouTube, Hulu, HBO Go…
  • Server:
    6.500+
  • Paesi:
    140+
  • App semplici da usare
  • 10 connessioni simultanee
  • Ampia compatibilità

Se ti è piaciuta questa recensione di PureVPN o se dovessi avere altre domande, commenta pure qui sotto o scrivimi, sarò felice di risponderti e aiutarti come posso! Inoltre, seguimi su Facebook e Instagram per rimanere sempre aggiornato sulle ultime novità di Stolas Informatica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

Segui Stolas!

Iscriviti alla mailing list di Stolas per ricevere in anteprima novità e sconti!

Grazie per esserti iscritto!

Something went wrong.

Segui Stolas!

Iscriviti alla mailing list di Stolas per ricevere in anteprima novità e sconti!

Grazie per esserti iscritto!

Something went wrong.

Send this to a friend