fbpx

Fino a poco tempo fa, molti siti e servizi online offrivano la possibilità di accedere o creare un nuovo account tramite il proprio login di Facebook. La funzionalità era molto diffusa, proprio perché evitata di dover completare un’altra procedura di registrazione, creando anche un’altra password. Oggi però, il pulsante “Accedi con Facebook” si trova sempre meno in tutto il web.

Negli ultimi anni, la privacy online è diventata sempre più importante, finalmente infatti molte persone si sono rese conto di quanti dati abbiano “regalato”. Se anche tu hai abusato del Facebook Login, continua a leggere, in questo articolo troverai anche le istruzioni su come eliminare quegli accessi manualmente, dalle Impostazioni del social network.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

facebook-login-perche-disuso-copertina

Il declino del pulsante “Accedi con Facebook”

Probabilmente avrai già visto molti siti web e app che offrono l’opzione “Accedi con Facebook”. Questo perché il servizio di accesso del social network era estremamente semplice da implementare, nonché gratuito. Non solo, era veramente così facile, che per gli sviluppatori aveva più senso integrare il pulsante di login di Facebook piuttosto che costruire un sistema di accesso da zero. Tuttavia, nonostante la sua popolarità come mezzo per consentire agli utenti di accedere con un click ad altri siti, il Facebook Login è decisamente in declino.

Quello che molti non sanno è che il Facebook Login non era pensato per rendere più semplice l’utilizzo e la gestione degli account su altri siti web e app. La piattaforma di accesso infatti è stata progettata proprio per raccogliere dati e portare le persone su Facebook.

Tuttavia, dopo molteplici violazioni della sicurezza, casi di raccolta di dati senza chiare conseguenze e l’implementazione di un business model basato sullo sfruttamento pubblicitario, che ha portato molti utenti a sentirsi estranei ai feed di contenuti dei loro amici (e alle crescenti pressioni da parte delle autorità di regolamentazione europee), sono sempre meno le persone scelgono di utilizzare il proprio account Facebook per accedere ad altre applicazioni e servizi. Strano, no?

Facebook Login è convenuto a tutti, tranne che agli utenti di Facebook

L’iniziativa Facebook Login (precedentemente nota come Facebook Connect) è stata la cosa migliore per editori, sviluppatori e inserzionisti. Il servizio è stato presentato come un modo semplice che permettesse agli utenti di ricordare una sola password. Questo significava che non dovevano creare un nuovo account quando volevano provare una nuova app o un gioco.

Inoltre, il Facebook Login consentiva alle app di accedere a tutte le attività su siti di terze parti condotte dagli amici su Facebook dei propri iscritti (che è esattamente come è iniziato il tutto con Cambridge Analytica). In poche parole, gli editori avevano più dati su ciò che i loro lettori facevano online e potevano ottimizzare i contenuti di conseguenza. Gli sviluppatori invece avevano accesso a uno strumento di login integrato, concesso gratuitamente, e a una nuova opportunità per monetizzare le funzionalità premium delle proprie app.

Agli inserzionisti piaceva perché ogni volta che qualcuno accedeva a qualcosa con Facebook, potevano profilare molto meglio gli utenti, vedendo anche che genere di cose gli piacessero. Poiché questo tipo di targeting è molto efficace per attirare l’attenzione delle persone (mettendo annunci dove gli utenti stanno già guardando), le Ad sono diventate più efficienti che mai!

Gli utenti di Facebook sono sempre più diffidenti nei confronti della piattaforma

Dopo svariate violazioni della sicurezza e della privacy, senza che vi fossero conseguenze, insieme al suo modello pubblicitario spropositato, gli utenti hanno cominciato ad accusare sempre di più l’invasione della propria privacy da parte di Facebook.

Facebook non è considerato un luogo sicuro per condividere le proprie informazioni private. È stato violato più volte e ci sono stati molti casi eclatanti di raccolta di dati senza consenso. Dopo tutto ciò, non sorprende che sempre più persone usino Facebook.

Sempre meno persone scelgono di utilizzare i propri account di social media come login. Negli ultimi anni, il numero di siti web e app che offrono il tasto “Accedi con Facebook” è diminuito. Nel 2016, il 65% dei principali 100 siti USA offriva il Facebook Login come opzione di accesso. Oggi, questo numero è sceso al 36%.

Questo dato riflette le priorità dei consumatori in materia di protezione dei dati e della privacy, seguendo il trend in crescita dei rischi per la sicurezza. È anche un segno della minor influenza di Facebook su Internet.

Facebook è stato preso di mira da hacker in diverse occasioni, portando molti utenti a chiedersi se la piattaforma sia affidabile, non solo per le informazioni personali, ma per qualsiasi informazione. Inoltre, ci sono altri social network che non hanno la stessa fama. Twitter, per esempio, ha una policy ufficiale che impedisce di memorizzare le password o gli indirizzi e-mail degli utenti sui server aziendali. Snapchat, invece, consente agli utenti di accedere solo con il proprio numero di telefono, senza richiedere più informazioni personali di quanto non sia desiderabile.

Mentre Facebook Login scompare, Google Sign-in rimane

Sebbene si possa pensare che la scomparsa del Facebook Login sia una cattiva notizia per aziende di terze parti, in realtà non è un male. Perché? Google ha una reputazione molto più sicura di Facebook e il suo strumento di accesso rapido è ancora molto diffuso.

Il login di Google è considerato più utile dai consumatori perché Chrome, Gmail e altri servizi web di Big G sono leader del settore.

“Accedi con Facebook” non è del tutto scomparso… per ora

Il tasto “Accedi con Facebook” è ancora disponibile per il login di account di alcune applicazioni e servizi di terze parti, ma il numero è in calo.

Sfortunatamente, chi usa il Facebook Login per semplificare la gestione degli account non può smettere del tutto di usare il sistema di accesso, per via del modo in cui è integrato in molte app.

L’accesso ad applicazioni come Spotify o Tinder per gli account creati tramite Facebook Login potrebbe diventare meno affidabile nel tempo se un sito web o un’applicazione dovesse smettere di supportare il metodo di accesso. Per questo, è importante accedere a tutti gli account che sono legati a Facebook a doppio filo e disaccoppiarli.

Modifica le impostazioni in modo che queste app diventino indipendenti dal tuo account di Facebook, cambiando l’indirizzo e-mail e la password. Quindi, rimuovi l’accesso all’app dal tuo Facebook. Continua a leggere per trovare maggiori indicazioni su come scollegare i tuoi accessi alle app da Facebook.

Come rimuovere le app collegate a Facebook

Hai usato il Facebook Login per creare e accedere ad account di servizi di terze parti? Ecco cosa devi fare.

Prima di iniziare a rimuovere le app nelle impostazioni dell’account Facebook, però, assicurati di modificare le credenziali dei vari account su app e servizi che vuoi continuare a usare.Ti basterà accedere a queste app e modificare l’e-mail e la password, in modo che siano indipendenti da Facebook.

Per eliminare manualmente i permessi delle vecchie app da Facebook, segui queste indicazioni:

  • Accedi al tuo account Facebook
  • Clicca sull’icona del tuo profilo in alto a destra
  • Seleziona Impostazioni e privacy
  • Vai a Controllo della privacy
  • Apri Le tue impostazioni relative ai dati su Facebook
  • Qui, ti verranno mostrate tutte le applicazioni a cui hai eseguito l’accesso con Facebook Login e ti sarà offerta la possibilità di rimuoverle.
  • Conferma le modifiche alle impostazioni dei dati!

Se hai usato Facebook per accedere ad altre applicazioni o servizi, è ora di cambiare. Non solo proteggerai la tua privacy, ma potrai anche salvare eventuali account di app importanti prima che lo sviluppatore smetta di supportare il Facebook Login. Quindi, contribuisci a combattere il monopolio di Facebook su Internet, revocagli l’accesso ai dati delle tue app.

Cosa ne pensi del sistema di Facebook Login? Tu lo usi ancora per accedere a siti e app di terze parti? Commenta qui sotto e condividi questo articolo con i tuoi amici! Non dimenticarti di iscriverti alla newsletter di Stolas Informatica e di seguirci su FacebookInstagram e Telegram per rimanere sempre aggiornato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

Segui Stolas!

Iscriviti alla mailing list di Stolas per ricevere in anteprima novità e sconti!

Grazie per esserti iscritto!

Something went wrong.

Segui Stolas!

Iscriviti alla mailing list di Stolas per ricevere in anteprima novità e sconti!

Grazie per esserti iscritto!

Something went wrong.