Hai cominciato a usare una VPN per proteggere la tua connessione a internet ma ti sembra troppo lenta? Hai problemi a guardare film e telefilm in streaming perché la banda non è sufficiente? Quando navighi su internet collegato alla VPN i siti ci mettono troppo tempo a caricare? Tranquillo, ci sono diversi motivi per cui la connessione con una VPN possa non essere troppo performante. In questo articolo infatti, ti svelerò alcuni trucchi e consigli per migliorare la velocità della tua VPN.

Le VPN sono strumenti utilissimi per la sicurezza online. Grazie a questa tecnologia infatti puoi navigare su internet tranquillamente, sapendo che tutto il tuo traffico è crittografato e protetto e che il tuo indirizzo IP reale è al riparo da occhi indiscreti. Inoltre, con una VPN puoi aggirare blocchi regionali, collegandoti a server in altri paesi e accedendo quindi a siti e servizi online altrimenti non disponibili. Detto questo, in alcuni casi collegarsi a una VPN può rallentare la tua connessione a internet in modo significativo, portando a problemi di navigazione e anche a lag durante il gaming online e nello streaming di contenuti video e audio. Dunque, vediamo cosa puoi fare per rendere più veloce la tua connessione a internet tramite VPN.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

migliorare-velocita-vpn-copertina

La VPN può rallentare la tua velocità su Internet?

Innanzi tutto, vediamo di rispondere a una domanda importanta sull’impatto che le VPN possono avere sulla velocità della nostra connessione a internet.

Come accennato sopra, lo scopo delle VPN è proteggere il tuo traffico online. Per farlo, questa tecnologia esegue la crittografia di tutti i dati trasmessi. Questo processo di cifratura, unitamente alla connessione ai server VPN per navigare su internet, implica che, nel complesso, la connessione tramite VPN possa risultare più lenta. Tuttavia, questi rallentamenti non dovrebbero essere eccessivi, soprattutto se il server a cui sei collegato non si trova dall’altra parte del mondo.

Quindi, prima di provare i metodi consigliati per rendere più veloce la tua VPN, controlla se effettivamente il rallentamento sia il frutto di un malfunzionamento e, in caso, quanto sia problematico. Ecco come puoi fare:

  1. Esegui uno speed test della tua connessione internet a VPN spenta (ti consiglio Speedtest by Ookla).
  2. Collegati alla VPN e fai un altro speed test.

Per darti un esempio da usare come riferimento, ecco il mio speed test di base:

Speedtest base gennaio 2021
Speed test senza VPN

Adesso, ecco i miei speed test dall’Italia con NordVPN (leggi la recensione completa) e Surfshark (leggi la recensione completa), due dei provider VPN più performanti:

Come puoi vedere, la velocità è leggermente ridotta sia in download che in upload. Il rallentamento però non è tale da impedire la navigazione online, anzi è più che ragionevole e fisiologico. L’elemento più significativo è il Ping, che da 3ms senza VPN è passato a 23ms e 33ms, rispettivamente con NordVPN e Surfshark.

Ora, vediamo altri due speed test, sempre con le stesse VPN, collegandoci a un server negli USA:

Anche in questo caso, il rallentamento più significativo è nel Ping di entrambi gli speed test, passato da 3ms a 96ms e 101ms, rispettivamente con Surfshark e NordVPN. La velocità in download di entrambe le VPN però non è calata troppo.

Quindi, se il risultato del confronto dei tuoi speed test, con e senza VPN, è simile a quanto ti ho illustrato, non hai nulla di che preoccuparti. Se invece dovessi notare ping molto più lenti e velocità di download e upload molto più basse rispetto alla connessione senza VPN, prova a risolvere il problema con i consigli qui sotto!

Ricordati che NordVPN e Surfshark sono tra le migliori VPN dell’anno in termini di velocità e prestazioni, quindi se non dovessi ottenere esattamente questi risultati non significa necessariamente che devi preoccuparti. Ma tanto per informarti, queste VPN premium costano rispettivamente € 3,15 e € 2,13 al mese, con garanzia di rimborso entro i primi 30 giorni. Se non sei soddisfatto della velocità della tua VPN, vale decisamente la pena dargli una chance!

Come rendere più veloce la tua VPN

1. Non usare una VPN gratis

Se noti problemi di linea o velocità usando una VPN gratis, purtroppo sappi che non c’è nulla di sorprendente. Le VPN gratuite spesso limitano banda e quantità di traffico quotidiano/mensile a disposizione, quindi è normale che non siano veloci come quelle premium e che, dopo averle usate per un po’, non offrano la stessa qualità di servizio.

Se comunque non hai intenzione di passare a un provider VPN a pagamento, ti consiglio di dare un’occhiata a questo elenco delle migliori VPN gratis, ma come potrai vedere, nella maggior parte dei casi sono versioni “trial” e limitate di VPN a pagamento. Tuttavia, il mio consiglio è di passare a una delle migliori VPN premium, che non impongono alcun limite sulla quantità di traffico dati disponibile, né sulla banda, quindi potrai contare su una connessione VPN molto più veloce. Come accennavo sopra, NordVPN e Surfshark, due delle migliori sul mercato, hanno prezzi bassissimi, a partire da soli € 3,15 e € 2,13 al mese.

2. Collegati a un altro server VPN

La connessione VPN tende a essere più lenta a seconda di quanto è distante dalla tua posizione reale il server a cui ti stai collegando. Questo significa che, se dall’Italia ti colleghi a un server VPN in Italia (o Francia, o Germania…), la connessione ne risentirà molto di meno rispetto al collegamento a un server in Australia.

Detto questo, come puoi vedere dagli speed test nella sezione precedente, collegarsi dall’altra parte del mondo (in questo caso dall’Italia agli USA), non deve tradursi necessariamente in un annullamento di tutta la banda. In generale, se usi una VPN per proteggere la tua attività online con la crittografia del traffico e nascondere il tuo indirizzo IP reale, ti consiglio di collegarti a un server nel tuo stesso paese. Se invece usi una VPN per sbloccare contenuti non disponibili dove ti trovi e devi necessariamente collegarti a una nazione in particolare, prova altri provider VPN. Le migliori VPN premium offrono la garanzia di rimborso entro 30 giorni, quindi puoi provare quella che preferisci (anche tutte) e poi tenere solo quella più performante.

3. Riavvia il tuo router

Se il tuo modem o router sta funzionando peggio del solito, che sia per problemi di memoria o altro, prova a riavviarlo. Spesso basta veramente poco per risolvere problemi di connettività! Inoltre, ricordati che collegare direttamente il router alla VPN è un’ottima soluzione per proteggere tutti i dispositivi collegati alla rete domestica, ma può rallentare notevolmente la velocità di connessione, a meno che non sia un router ottimizzato per le VPN (dai un’occhiata ai migliori router VPN).

Nel caso avessi problemi di velocità con la VPN perché questa è installata direttamente sul router, prova a usare l’app dedicata sul dispositivo interessato, la situazione potrebbe cambiare drasticamente!

4. Disattiva le pubblicità con Adblock (o con la tua VPN)

Le pubblicità che ci vengono mostrare sui vari siti che visitiamo richiedono una fetta della nostra banda per essere caricate. Per questo, usare un’estensione per browser come Adblock (leggi la guida completa), può migliorare la velocità percepita quando navighi con la VPN. Dopotutto, se la nostra connessione non deve sprecare banda per caricare Ad vuol dire che potrà caricare più rapidamente i contenuti che ci interessano veramente.

Installare Adblock ed estensioni simili però non è sempre fattibile, soprattutto su dispositivi mobili, in cui è un po’ più complicato. Fortunatamente, VPN come NordVPN e Surfshark includono delle mini-suite di sicurezza informatica, rispettivamente CyberSec e CleanWeb, che non solo bloccano le pubblicità, ma proteggono anche da malware e phishing.

5. Modifica il protocollo della connessione VPN

Le VPN possono collegarsi ai server dei relativi provider sfruttando diversi protocolli di connessione e crittografia (leggi la guida ai tunnel VPN). Per questo, se dovessi notare problemi di velocità, puoi provare a modificare il tunnel VPN utilizzato per stabilire il collegamento. Ultimamente, sta prendendo sempre più piede il protocollo WireGuard, disponibile sia con NordVPN tramite NordLynx (leggi l’articolo dedicato), sia con Surfshark (leggi l’articolo dedicato). WireGuard è un tunnel VPN molto più leggero, implementato da questi due provider in modo tale che possa assicurare la protezione di cui hai bisogno, con un minor impatto sulla tua velocità di connessione.

6. Prova via cavo

La tecnologia Wi-Fi è fantastica, puoi portare il tuo dispositivo ovunque senza perdere mai la tua connessione a internet. Detto questo, la wireless, soprattutto quella a 2,4GHz, è molto meno capace del buon vecchio cavo ethernet, che arriva facilmente a 10.000 Mbs. Con una connessione via cavo potrai sfruttare tutta la banda offerta dal tuo provider internet (o quanto meno dal modem che stai usando). Così, se non altro, potrai capire più facilmente se il problema è la tua connessione internet, la rete wireless, o la VPN.

7. Riavvia il tuo dispositivo

Ogni tanto, riavviare il computer (o lo smartphone) è il modo più semplice per risolvere problemi sul dispositivo. Può capitare che la RAM del tuo PC o del tuo telefono sia intasata. Riavviare il dispositivo farà sì che la memoria ad accesso rapido venga svuotata completamente, così che potrai ripartire da zero, collegarti alla VPN e vedere se il riavvio è stato sufficiente a migliorare la velocità della connessione.

8. Controlla le impostazioni dei software di sicurezza

Alcuni programmi di sicurezza informatica, come antivirus o firewall, possono bloccare il traffico in uscita e in entrata del dispositivo per provare a proteggerti. Un eccesso di zelo in questo senso però può chiaramente essere problematico. Per assicurarti che non sia questo il caso, prova a disattivare temporaneamente il tuo antivirus o il tuo firewall, fai uno speed test collegato alla VPN e vedi se la situazione è migliorata. In caso di esito positivo, crea un’esclusione per l’app VPN e quindi riattiva il software di sicurezza. Se la velocità non dovesse migliorare dopo l’esclusione, significa che il conflitto tra client VPN e antivirus è peggio di quanto previsto. In quel caso, prova a rivolgerti all’assistenza del tuo provider VPN, o provane altri per trovarne uno che sia più compatibile.

9. Usa un altro dispositivo

Un altro modo per capire se il problema di velocità della tua VPN dovesse derivare dal provider stesso è cambiando dispositivo. Gli algoritmi di crittografia infatti potrebbero provocare piccoli conflitti con il tuo sistema operativo o altri programmi sul tuo dispositivo. Per questo, una buona soluzione per identificare il problema di linea della tua VPN è installarla e usarla anche da un altro computer o telefono. Così, potrai capire se il malfunzionamento è dovuto a qualche impostazione sul dispositivo principale o da imputare al provider VPN stesso.

10. Reinstalla l’app della VPN

L’ultimo consiglio per provare a migliorare la velocità della tua VPN può sembrare scontato ma, insieme al riavvio del PC, è una delle soluzioni statisticamente più efficienti in ambito informatico. Prova a disinstallare il client VPN dal tuo dispositivo, riavvialo e quindi reinstalla l’app.

Disinstallare un programma è contemporaneamente l’ultima spiagga della risoluzione dei problemi e il primo tentativo da effettuare, ma in ogni caso, vale sempre la pena provarci.

Velocità VPN: Domande frequenti

La VPN può migliorare la mia velocità su Internet?

In linea generale, no, la VPN non può rendere più veloce la tua connessione. Se il tuo contratto internet prevede una banda massima di 50 Mbps, non potrai navigare a 55 Mbps collegandoti a una VPN. Tuttavia, nel caso fossi vittima di bandwidth throttling è vero anche il contrario. Il bandwidth throttling è una pratica molto più comune di quanto non si possa pensare, in cui il gestore internet strozza la tua banda a seconda di quello che stai facendo online.

Solitamente i provider internet ricorrono al bandwidth throttling quando si scaricano torrent o si guardano molti contenuti in streaming, visto che sono attività ad alto consumo di banda. Con una VPN, il tuo ISP non potrà vedere quello che stai facendo online e quindi non può ridurre la tua banda perché stai guardando video in streaming o facendo download di torrent.

Come posso provare la velocità della VPN?

Come già accennato all’inizio dell’articolo, il modo migliore per capire quale sia la velocità della tua VPN è tramite speed test. Esegui uno speed test senza collegarti alla VPN e quindi fanne un altro dopo aver stabilito una connessione con un server VPN. Nel caso notassi una differenza drastica, prova a risolvere seguendo i consigli in questo elenco per migliorare la velocità della tua VPN.

Come trovo il server VPN più veloce?

Molte VPN offrono un tasto di connessione rapida al server più veloce a seconda della nostra posizione. Se vuoi collegarti alla VPN solo per proteggere il tuo traffico con crittografia e nascondere il tuo indirizzo IP reale, usa il server consigliato in base alle prestazioni (solidamente tramite tasto Quick Connect). Se invece vuoi collegarti da un paese particolare, prova a vedere se la tua app VPN di consente di controllare i ping dei diversi server in quella nazione o se offre una connessione al server consigliato anche per ciascun paese individuale.

Che ne pensi di questi consigli per migliorare la velocità della tua VPN? Li hai provati tutti? Commenta qui sotto e condividi questo articolo con i tuoi amici! Non dimenticarti di iscriverti alla newsletter di Stolas Informatica e di seguirci su Facebook e Instagram per rimanere sempre aggiornato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

Segui Stolas!

Iscriviti alla mailing list di Stolas per ricevere in anteprima novità e sconti!

Grazie per esserti iscritto!

Something went wrong.

Segui Stolas!

Iscriviti alla mailing list di Stolas per ricevere in anteprima novità e sconti!

Grazie per esserti iscritto!

Something went wrong.

Send this to a friend